Facciamo un po’ di allungamento

bicipite femorale1

La situazione sanitaria nazionale è ancora incerta e, ahimé, probabilmente lo sarà ancora per diverso tempo. La “quarantena” a cui molti di noi hanno aderito più o meno spontaneamente, ci permette di fare un sacco di lavori in casa che erano lì ad attendere da chissà quanto. Complici le belle giornate di questa primavera incalzante, molti di noi si stanno dedicando a sistemare i giardini, balconi, terrazzi, garage… altri invece sono purtroppo costretti a lavorare e non sempre nelle condizioni migliori.

La sera, magari prima di cena, possiamo dedicarci a noi e allo stare bene. Perché non cogliamo l’occasione per ritagliarci una mezz’oretta e fare un pochino di allungamento? Possiamo cominciare con la parte posteriore delle gambe e la zona lombare. Qui sotto vi metto un link con una breve scheda di stretching.

scheda stretching_2

Promo Natale 2019

Ormai manca poco a Natale, molti di noi si ritroveranno all’ultimo momento senza aver preso i regali. Come poter stupire con un regalo che sicuramente piacerà?

La soluzione potrebbe essere il mio box regalo.


Potrai scegliere fra tre soluzioni:

  1. Box massaggio rilassante con una candela aromatica, una tisana rilassante e un buono per un massaggio Total Body; prezzo del box 60,00 €
  2. Box massaggio energizzante con una nota golosa di cioccolatini fondenti, un thé nero e un buono per un massaggio sportivo; prezzo del box 45,00 €
  3. Box massaggio ripresa con dei succulenti cioccolatini al latte, un thé bianco e un buono per un massaggio defaticante; prezzo del box 45,00 €

Il massaggio è la più antica forma di cura ed è dimostrato che apporta grandi benefici al fisico e alla mente: rilassa la muscolatura, scioglie le tensioni, riduce lo stress, abbassa la pressione, stimola la circolazione sanguigna, stimola la circolazione linfatica, riduce i dolori muscolari e articolari, aiuta la ripresa dopo una prestazione sportiva, prepara ad affrontare al meglio gli impegni della vita quotidiana.

Stupisci con un regalo inusuale, regala un massaggio!

Taping Elastico

taping1

Il Taping Elastico o Bendaggio Neuro muscolare è una tecnica nata più di 40 anni fa in Giappone dal dottor Kenzo Kase. La prima apparizione ci fu alle olimpiadi di Seul del 1988 con la nazionale giapponese di volley. L’applicazione del bendaggio elastico ha vantaggi che sono stati dimostrati sotto vari punti di vista. Continua a leggere “Taping Elastico”

I poteri delle api e del loro veleno

apeSi narra che addirittura Carlo Magno e Ivan il terribile sfruttassero i vantaggi dell’utilizzo del veleno d’api per curare i loro dolori. Continua a leggere “I poteri delle api e del loro veleno”

La Fibromialgia – qualche info utile

Sempre più spesso si sente parlare di Fibromialgia, ma che cos’è? Secondo alcuni non è nulla… secondo altri è una vera e propria patologia invalidante. Al momento non è stata ancora riconosciuta in maniera ufficiale come vera e propria malattia, ma questo non deve farne sottovalutare l’importanza. Dopo questa piccola precisazione iniziamo a fare qualche riflessione in merito. Continua a leggere “La Fibromialgia – qualche info utile”

Massaggio d’estate

img_1091Si sa, d’estate fa caldo, l’attività fisica diminuisce e il bisogno di un massaggio passa in secondo piano. L’idea comune è “a settembre ci penserò“, ma in realtà agosto è un mese come gli altri e, anzi molto spesso, ci porta ad essere maggiormente carichi di ansie e stress.

Siamo carichi di lavoro perché dobbiamo ultimare tutto prima delle vacanze, dobbiamo anche però pensare a cosa faremo in vacanza, organizzare i nostri giri, cercare di incastrare tutto quello che vogliamo fare e vedere nei pochi giorni disponibili… insomma un lavoro! Un lavoro che si aggiunge a quello quotidiano.

Allora perchè non cominciare le vacanze al meglio? Perchè non dedicarci un pochino a rilassarci prima delle meritate ferie?

Prima di partire fate un massaggio, prendetevi un giorno tutto per voi, dedicatevi al vostro hobby e le vacanze andranno sicuramente molto molto meglio.

BUONE VACANZE

Cosa provoca il massaggio?

img_7515Chiunque abbia fatto un massaggio sa come ci si sente dopo, chiaramente i massaggi sono di vari tipi e di varie intensità, un decontratturante ha degli effetti diversi da un rilassante che si fanno sentire dopo qualche ora (mediamente 36/48 ore dopo). Ma vi siete mai chiesti che cosa succede nell’organismo dopo un massaggio? Quali sono gli aspetti “tecnici” di un massaggio? Continua a leggere “Cosa provoca il massaggio?”

Consigli per motociclisti: evitare il mal di collo

IMG_7212

Come molti di voi avranno avuto modo di capire, una delle mie più grandi passioni è la moto e come ogni buon motociclista ho molti amici con la medesima passione. C’è una cosa a cui però noi motociclisti non badiamo molto: la preparazione fisica. Con questo non dico che per fare i nostri giri la domenica dobbiamo affrontare estenuanti sedute di allenamento in palestra in stile moto GP ma di certo dovremmo badare ad alcuni piccoli accorgimenti. Continua a leggere “Consigli per motociclisti: evitare il mal di collo”

I dolori “riflessi”

LRZ_6448-1

Trattando spesso con atleti mi imbatto in quelli che io chiamo “dolori riflessi“, ovvero dei dolori che si manifestano lontano dalla loro reale origine.

In diverse occasioni ho avuto atleti che lamentavano stati dolorosi alla caviglia, piuttosto che ad un ginocchio; occupandomi solo ed esclusivamente di muscoli e non di articolazioni, viene istintivo andare a controllare i muscoli che fanno muovere l’articolazione dolente. Prendiamo ad esempio la caviglia, nota dolente per molti pallavolisti o cestisti. I muscoli principali che danno movimento a questa articolazione sono: il tibiale, il peroniero e il polpaccio (il cui vero nome è gastrocnemio); questi muscoli esercitano una grande pressione sull’articolazione e, qualora fossero contratti, possono creare un disequilibrio che arreca dolore e ne limita il movimento. Mi fa sempre sorridere l’espressione dei miei clienti che, dopo avermi descritto per filo e per segno il dolore alla caviglia, restano interdetti quando io inizio a massaggiare il tibiale appena sotto il ginocchio!

Un altro esempio che capita molto spesso è il “simpaticissimo” mal di schiena nella zona lombare, a volte può essere causato da una forte tensione del muscolo ileo-psoas… che si tratta stando sdraiati supini.

Ricordatevi sempre che il nostro apparato muscolare è tutto collegato e concatenato, un mal di schiena può derivare dai piedi, il mal di testa dal collo, un dolore al ginocchio dal quadricipite e così via. Ad esempio per chi soffre di mal di schiena nella zona lombare un’altra causa è la tensione o contrattura di un gluteo, provate a sedervi su una pallina da tennis e ne avrete immediatamente la riprova. Bisogna ricordare che non sempre il dolore ha origine nel punto dove si manifesta, spesso bisogna risalire a monte e andare a sciogliere la muscolatura limitrofa.

Quel dolore al collo

spalla

Alzi la mano chi non ha mai avuto un torcicollo.

Alzi la mano chi non ha mai avuto la sensazione di collo e spalle pesanti.

Bene dato che non vedo mani alzate vi posso dire che, salvo problemi articolari dovuti a incidenti, traumi o degenerazione ossea, il problema è quasi sempre muscolare. I muscoli principali del collo sono il trapezio e lo sternocleidomastoideo (giuro che non è uno scioglilingua!); il primo è quello che va dalla nuca alla spalla e fino a metà schiena circa; il secondo va da dietro l’orecchio alla clavicola. So che non sono termini scientifici ma è giusto per capirci bene.
Spesso il principale responsabile del “male al collo” è il trapezio; quindi di lui parleremo oggi. Le sue funzioni principali sono quelle di sollevare le spalle, alzare la testa, avvicinare le scapole e partecipare a tutti i movimenti del capo.

trapezio
<trapezio non contratto>

Immaginate quindi quante sollecitazioni ha questo povero muscolo. Ogni tanto soffre di manie di protagonismo e decide di contrarsi.
Nelle foto che vi allego possiamo vedere chiaramente la differenza tra un trapezio non contratto e un paio di situazioni di contrattura più o meno evidente. Quando il trapezio è a posto le spalle sono alla stessa altezza e non ci sono limitazioni nei movimenti, ad esempio la torsione del capo verso destra e verso sinistra. Nel momento in cui invece iniziamo a notare una riduzione del ROM (Range Of Motion), possiamo essere di fronte ad una situazione di tensione o addirittura di contrattura vera e propria. La soluzione per entrambi i casi può essere il

effetti massaggio spalla_1
<trapezio teso>

massaggio; ovviamente variano le manualità, l’intensità e la durata. Nel caso di una muscolatura semplicemente tesa le manualità saranno meno profonde e, per certi versi meno dolorose; il massaggio avrà una durata leggermente più lunga e solitamente in una o due sedute il problema si risolve. La tensione muscolare che si accumula in questa zona ha diversi fattori scatenanti: primo fra tutti è una errata postura mantenuta per troppo tempo, ma anche pensieri e preoccupazioni vanno a sovraccaricare questa zona del nostro corpo. Quindi oltre al massaggio bisogna riuscire a rilassare la mente e allontanare le preoccupazioni che ci affliggono. Diverso è il discorso contrattura. I muscoli per lavorare contraggono e rilassano le fibre, in un mondo ideale le fibre tornano sempre allo stadio di rilassamento senza mai dare problemi, in realtà tutti abbiamo svariate contratture sparse qua e là. La contrattura del trapezio è molto fastidiosa e, passatemi

effetti massaggio spalla
<trapezio contratto>

il termine, invalidante. Avete provato a guidare con il torcicollo? Ecco intendo proprio quello.

Il massaggio che andremo ad effettuare in questo caso è decisamente più profondo e in alcuni casi può risultare doloroso. Ma diventa necessario dato che le contratture non si sciolgono da sole. La contrattura causa una riduzione del ROM, uno stato doloroso e un rallentamento della circolazione sanguigna; scioglierla diventa necessario per non peggiorare la situazione, ma soprattutto per riprendere una vita normale. Questo tipo di massaggio lascia alcuni strascichi: dato che si va a lavorare in maniera profonda sulla muscolatura per uno o due giorni successivi alla seduta la nostra sensazione potrà essere quella simile a quando riprendiamo a fare sport dopo diversi mesi di inattività, avremo i muscoli stanchi e leggermente doloranti, ma questa sensazione passa nell’arco appunto di 24/48 ore.

Quindi come compiti a casa vi dico di mettervi di fronte ad uno specchio e verificare che le spalle siano alla stessa altezza, provate a girare la testa a destra e sinistra cercando di raggiungere la spalla con il mento senza piegare il collo, inclinate la testa a destra e sinistra. Se i movimenti che effettuate non saranno equivalenti da una parte e dall’altra e se la testa non si inclina di almeno 45° avete bisogno di massaggiare e rilassare il trapezio.